Indicatori Forex

Gli indicatori forex sono, come afferma il nome stesso, delle indicazioni sull’andamento futuro di un determinato rapporto tra due valute.

Esistono due tipi di indicatori nel forex, gli indicatori in analisi tecnica e quelli macroeconomici, usati nell’analisi fondamentale. Quelli per eccellenza sono quelli dell’analisi tecnica i quali altro non sono che complessi calcoli di matematica finanziaria i quali ci dicono, dallo studio del trend passato di un rapporto di cambio, le possibili proiezioni future. Essi vengono generalmente applicati ai grafici forex indicando così, come suggerisce il loro nome, la tendenza del cross.

Sappiamo infatti che per analizzare il rapporto di cambio di due valute nel mercato forex si utilizzano i grafici cartesiani, i quali permettono di dare forma visuale ai singoli rapporti di cambio nel tempo, consentendo all’operatore che si trova a studiare un determinato mercato di tradurlo e comprenderlo in forma agevolata.

Non è tuttavia necessario addentrarsi nel calcolo finanziario per utilizzare gli indicatori forex, infatti non siamo obbligati a calcolarli a mano ma per lo più possiamo sfruttare gli strumenti che ci vengono forniti dai programmi forex, generalmente inclusi nelle stesse piattaforme di trading.

I programmi di trading dunque ci forniscono gli strumenti utili a calcolare gli indicatori che potremo poi andare a applicare a un grafico. Tra gli indicatori più diffusi annoveriamo il doppio minimo e il doppio massimo i quali indicano l’inversione di un trend fornendo dunque segnali di vendita o di acquisto, il RSI che misura in un determinato momento il cambiamento dei prezzi di un determinato cambio al fine di stabilire se ci sia eccesso di acquisto o di vendita, l’ATR o Average True Range indica invece la volatilità del mercato dandoci eventuali punti di entrata o uscita in un determinato cambio, Lo Stop and Reverse Parabolico noto anche come SAR definisce il momento in cui si inverte un determinato trend e ci fornisce dunque un punto di uscita, lo Stocaristico è un indicatore invece che misura il rapporto tra il range dei prezzi di un cross e il suo prezzo di chiusura e che si utilizza per determinare i trand, il Momentum misura invece la velocità di cambiamento dei vari prezzi, il trend prevalente e il volume delle transazioni, il Moving Average Convergence Divergence, altrimenti noto come MACD, si usa per stabilire quando entrare o uscire su un determinato cambio.

Ora non vuole essere questa una guida sull’uso e funzione di ogni singolo indicatore ma solamente una introduzione a questi al fine di comprendere cosa siano e le ragioni della loro importanza nell’Analisi Tecnica.

Terminiamo per completezza accennando all’altro tipo di indicatori forex, gli indicatori macroeconomici. Questi sono dei numeri statistici che misurano l’andamento di un determinato dato in un arco temporale e forniscono una sua previsione di andamento futuro. In questo modo gli indicatori macreoeconomici diventano elementi fondamentali per determinare la salute di una nazione e vengono utilizzati dall’Analisi Fondamentale per determinare gli andamenti futuri di un determinato rapporto valutario.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...