Bitcoin e Litecoin Trading

Bitcoin è la nota moneta virtuale creata nel 2009 da Satoshi Nakamoto, salita negli ultimi anni alla ribalta delle cronache grazie al successo ottenuto online. Si tratta di una moneta elettronica indipendente, slegata da qualsiasi valuta nazionale e per questo non emessa o regolamentata da alcuna banca centrale.

Litecoin è ugualmente una moneta elettronica virtuale, questa creata nel 2011 da Charlie Lee che vuole, perlomeno nel suo intento, superare e migliorare Bitcoin. Si tratta di una moneta il cui limite massimo di emissione è fissato in 84 milioni, rispetto ai 21 milioni di Bitcoin che saranno in circolazione quando il progetto di emissione sarà terminato. Il simbolo che la indica è una L e l’abbreviazione è LTC, rispetto a BTC che indica i Bitcoin. Il tempo per il blocco del Litecoin è molto più contenuto rispetto quello del Bitcoin, il primo ha un tempo di blocco di 2.5 minuti, mentre sappiamo che quello del più noto Bitcoin è di 10 minuti. Entrambi sono un progetto basato su un codice Opensource ma mentre il proof of work è SHA2 in Litecoin è Scrypt. Infine mentre gli indirizzi Bitcoin iniziano per una B, quelli Litecoin iniziano con una L.

Ci troviamo a parlare di queste due monete elettroniche perché a poco a poco si stanno facendo sempre più strada entrano anche nei circuiti di scambio automatico, già molti broker online, infatti, propongono Bitcoin e Litecoin trading sulle proprie piattaforme on line.

Tra questi, in particolare, TopOption, Banc de Binary, TradersLeader, CitiTrader e OptionWeb offrono un payout Bitcoin Litecoin del 74 per cento e una scadenza Bitcoin fissata alle 17.10. Banc de Swiss, invece, è l’unico broker on line, al momento, che propone Bitcoin e Litecoin trading con scadenza Bitcoin fissata alle 18.10.

Anyoption, invece, offre tutta altra proposta con un payout Bitcoin Litecoin che va dal 90 per cento fino al 120 per cento con scadenza a fine mese sulle Opzioni Touch Bitcoin.

Con l’apertura del Bitcoin e Litecoin si è dunque rotta una ulteriore barriera che differenziava queste valute online dalle valute tradizionali, l’essere scambiate su circuiti di scambio ufficiali. Non rimane altro che continuare ad osservare la situazione in attesa che appaiano i primi broker a proporre non solo il trading tra due valute elettroniche ma anche quello di una valuta elettronica contro una nazionale, ultima barriera al che ancora manca per potere affermare la definitiva equiparazione di queste monete elettroniche alle valute tradizionali.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...